• Home
  • News
  • Terremoto Roma del 23 giugno 2019, l'analisi dell'INGV

Terremoto Roma del 23 giugno 2019, l'analisi dell'INGV

Terremoto Roma del 23 giugno 2019, l'analisi dell'INGV

Domenica 23 giugno 2019 alle 22:43 italiane un terremoto di magnitudo 3.7 si è verificato in provincia di Roma. La scossa di terremoto ha avuto l'endocentro ad una profondità di 9 Km. Le località più vicine all'epicentro sono Colonna, San Cesareo, Gallicano nel Lanzo.

Comuni in un raggio di 10 Km dall'epicentro

località entro 10 Km dall'epicentro del terremoto
Comune
Provincia
Distanza (Km)
Popolazione
Colonna RM 3 4287
San Cesareo RM 5 15153
Gallicano nel Lanzo RM 5 6334
Zagarolo RM 5 17843
Monte Compatri RM 6 11978
Monte Porzio Catone RM 6 8693
Rocca Priora RM 7 11962
Frascati RM 9 22087
Palestrina RM 10 21672

L'analisi dell'INGV

A distanza di un'ora e mezza dalla prima scossa, una seconda è stata localizzata di magnitudo 1.4 alle 23:06.
Storicamente l’area è stata sede di terremoti anche molto forti, come quello del 26 agosto 1806, la cui magnitudo è stata stimata pari a 5.6. In epoca recente la zona è stata interessata da una sismicità frequente che raramente ha raggiunto la magnitudo 4.


Sismicità dal 1 gennaio 2018 al 23 giugno 2019 nella zona interessata dal terremoto di magnitudo ML 3.7 del 23 giugno 2019 alle ore 22:43 italianeSismicità storica nella zona interessata dal terremoto di magnitudo ML 3.7 del 23 giugno 2019 alle ore 22:43 italiane, (CPTI15)

Nella mappa che segue viene rappresentata la pericolosità sismica del territorio nazionale con un focus sulla provincia di Roma. La stella rappresenta l'epicentro del terremoto del 23 giugno 2019 di magnitudo 3.7.

Mappa della pericolosità sismica del territorio nazionale. L’epicentro del terremoto di magnitudo ML 3.7 è rappresentato con una stella

Come si evince dalla "mappa del risentimento sismico in scala MCS" (che segue qui sotto) elaborata a partire dai questionari online dal sito haisentitoilterremoto.it la scossa è stata avvertita in maniera molto evidente anche nella città di Roma. Vengono evidenziati risentimenti fino V grado MCS in alcune località della provincia di Roma.

Mappa del risentimento sismico in scala MCS (Mercalli-Cancani-Sieberg) che mostra la distribuzione degli effetti del terremoto sul territorio come ricostruito dai questionari on line

La mappa contiene una legenda (sulla destra). Con la stella viene indicato l’epicentro del terremoto, i cerchi colorati si riferiscono alle intensità associate a ogni comune. Nella didascalia in alto sono indicate le caratteristiche del terremoto: data, magnitudo (ML), profondità (Prof) e ora locale. Viene inoltre indicato il numero dei questionari elaborati per ottenere la mappa stessa.

fonte INGV